EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Fine vita, Cappato deposita firme per la legge in Veneto

Con l'Associazione Coscioni ne ha consegnate 9mila al Consiglio
Con l'Associazione Coscioni ne ha consegnate 9mila al Consiglio
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - VENEZIA, 30 GIU - Anche il Veneto discuterà nel Consiglio regionale una proposta di legge per il 'suicidio assistito', elaborata dall'Associazione Luca Coscioni che stamane, con Marco Cappato, ha depositato nella sede dell'assemblea legislativa 9mila firme a sostegno dell'iniztiva. Un appuntamento preparato in modo scenografico, con le scatole contenenti i moduli con le firme portate in corteo lungo il centro storico di Venezia fino ad arrivare a Palazzo Ferro Fini, sede del Cosiglio. Successivamente, in campo Santa Margherita, Cappato, Stefano Gheller e Diego Silvestri, oltre ai rappresentanti del Comitato Liberi Subito hanno illustrato i contenuti della proposta di legge e le linee della campagna sul tema del fine vita che l'associazione Coscioni sta portando avanti. Dopo il deposito delle firme, la proposta di legge verrà affidata all'Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale per la verifica della conformità. La presentazione e discussione in quinta Commissione consiliare darà accesso alla votazione in aula. Il Veneto è la seconda regione, dopo l'Abruzzo, a depositare le firme. Piemonte, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia - fa sapere l'associazione - hanno raggiunto la soglia di firme necessarie e sono prossime al deposito. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti: Joe Biden si ritira dalla corsa presidenziale, appoggio a Kamala Harris

Bangladesh: studenti non fermano la protesta, il governo estende il coprifuoco

Trump tesse le lodi di Putin, Xi e Orbán, sull'attentato: "Ho preso un proiettile per la democrazia"