EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Amministratore giudiziario infedele, sequestrati soldi a erede

Li aveva prelevati dai conti di due boss
Li aveva prelevati dai conti di due boss
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 28 GIU - Un amministratore giudiziario infedele avrebbe sottratto soldi da conti correnti dei boss Rosario Gambino e Salvatore Inzerillo che il professionista gestiva per conto del tribunale. La polizia di Stato di Palermo ha sequestrato quasi 800 mila euro, su ordine della sezione misure di prevenzione, nei confronti dell'erede dell'amministratore morto nel 2018. Il professionista è deceduto senza avere depositato il rendiconto finale e su di lui era in corso un'inchiesta: dal 2005 e al 2008 aveva effettuato una serie di indebiti prelievi di denaro, per 621 mila euro, dai conti correnti confiscati. L'amministratore era stato iscritto nel registro degli indagati per peculato continuato. Procedimento archiviato dopo la sua morte. Ma gli accertamenti, in base al Codice antimafia, sono proseguiti. La norma prevede, infatti, che il procedimento di prevenzione può essere iniziato anche in caso di morte. E' stato accertato che quei soldi prelevati dai conti sarebbero stati investiti in un'azienda vitivinicola nella provincia di Agrigento con la realizzazione di una cantina e un oleificio in terreni di proprietà dell'amministratore giudiziario. Il professionista avrebbe trasferito le quote societarie a un erede, pur restando di fatto l'amministratore della società fino alla morte. Lo scorso maggio l'erede ha venduto un ramo di azienda per 928 mila euro. Dagli accertamenti bancari è stato possibile verificare che il prezzo della compravendita è stato accreditato su un conto corrente intestato alla società, sul quale è abilitato ad operare l'erede dell'amministratore. La sezione misure di prevenzione ha disposto il sequestro d'urgenza del saldo per 779 mila euro. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Grecia: tre turisti scomparsi e trovati morti in una sola settimana sulle isole greche

Gli Houthi dicono di aver attaccato una nave militare Usa e due petroliere a largo dello Yemen

Le notizie del giorno | 17 giugno - Mattino