EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Ponte Genova, Delrio, risorse vigilanza capillare insufficienti

"Sicurezza al primo posto ma verifiche non di mia competenza"
"Sicurezza al primo posto ma verifiche non di mia competenza"
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GENOVA, 27 GIU - "La sicurezza e la manutenzione non solo delle autostrade ma anche delle ferrovie e delle dighe sono state sempre obiettivi primari del ministero, come indicato anche dagli obiettivi strategici che negli anni in cui sono stato ministro ho predisposto. Ma gli obiettivi strategici, che spettano alla parte politica, si traducono poi in obiettivi operativi che vengono affidati alla struttura tecnica". Lo ha detto oggi in aula nell'ambito del processo per il crollo del ponte Morandi, Graziano Delrio, che è stato ministro per le Infrastrutture e i Trasporti dal 2015 al giugno del 2018. "Come ministro quindi, non conoscevo in dettaglio le modalità di svolgimento del monitoraggio delle infrastrutture da parte delle concessionarie che interloquivano direttamente con la struttura tecnica". Alla domanda del pm Marco Airoldi se avesse avuto notizia delle interrogazioni parlamentari formulate nel 2015 e nel 2016 dal senatore Maurizio Rossi che sollecitando la realizzazione della Gronda autostradale poneva alcune questioni sul 'grave problema del ponte Morandi che attraversa la città e di cui non si conosce la sicurezza da tempo'. Delrio ha spiegato: "Ne sono venuto a conoscenza solo dopo il crollo perché al ministero arrivano centinaia di interrogazioni e non a tutte mi viene chiesto di rispondere. E comunque - ha aggiunto - devo dire che se anche l'avessi vista prima non l'avrei considerata come un allarme perché la premessa sulle condizioni di sicurezza del ponte era abbastanza generica e l'obiettivo mi pare fosse stimolare le realizzazione della Gronda per il potenziamento della viabilità in quello che è un nodo strategico". Circa il dovere di vigilanza del Mit sulle concessionarie, Delrio a domanda del pm se le risorse del ministero sarebbero state sufficienti a controlli a tappeto su tutte le infrastrutture ha spiegato che "le risorse disponibili per una vigilanza capillare non erano sufficienti, ma ero convinto che delle verifiche a campione venissero eseguite. Però era solo un mio pensiero, perché non rientrava nella mia competenza verificare che venissero effettivamente eseguite". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Attentato a Donald Trump, le teorie cospirative e le fake news da milioni di visualizzazioni

La Nato inaugura il centro di comando per il supporto all'Ucraina in Germania

No alla Nato e all'Unione Europea: viaggio tra i serbi di Bosnia-Erzegovina