EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Bimbo ucciso nel Viterbese, confermato l'ergastolo per il padre

Nel processo davanti alla Corte d'Assise d'Appello di Roma
Nel processo davanti alla Corte d'Assise d'Appello di Roma
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - Confermato anche nel processo di secondo grado l'ergastolo per Mirko Tomkow, 46enne cittadino polacco, che il 16 novembre del 2021 uccise il figlio, Matias, di soli 10 anni, nella casa di famiglia a Vetralla, in provincia di Viterbo. La sentenza è stata emessa dai giudici della Corte d'Assise d'Appello di Roma. L'uomo aveva sorpreso il bambino, appena rientrato a casa da scuola, nell'appartamento dove viveva con la madre, al quale non avrebbe potuto nemmeno avvicinarsi dopo le istanze di allontanamento disposte dal giudice, a seguito dei ripetuti maltrattamenti nei confronti della ex compagna. Il bambino è stato soffocato e accoltellato dal padre con tre pugnalate. Imbavagliato con il nastro adesivo da pacchi, il corpo di Matias è stato, poi, ritrovato dalla madre poche ore dopo il delitto, chiuso nel cassettone del letto matrimoniale. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Etiopia, piogge intense e frane: muoiono oltre 140 persone

Stellantis avvia la produzione della Fiat elettrica nel suo stabilimento in Serbia

Sergio Mattarella compie 83 anni