EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Percolato finisce in fiumi, Regione Calabria diffida società

Iniziativa Dg Dipartimento su input del governatore Occhiuto
Iniziativa Dg Dipartimento su input del governatore Occhiuto
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CATANZARO, 24 GIU - La Regione Calabria, su disposizione del governatore Roberto Occhiuto, ha diffidato la Bieco srl, la società che gestisce la discarica di Scala Coeli, in provincia di Cosenza, "affinché intraprenda con la massima urgenza - è detto in un comunicato - ogni iniziativa possibile, con gli oneri finanziari a suo carico, per interrompere la fuoriuscita di percolato dall'impianto, a causa della rottura di un tubo, e per ripulire i corsi d'acqua contaminati dagli sversamenti degli ultimi giorni". L'iniziativa é stata presa dopo che il direttore generale del Dipartimento Ambiente della Regione, Salvatore Siviglia, su input del presidente Occhiuto, ha incontrato il presidente della Provincia di Crotone, Sergio Ferrari, ed i sindaci di Crucoli, Giovanni Cataldo Librandi, Cariati, Cataldo Minò, Scala Coeli, Giovanni Matalone, e Terravecchia, Paolo Pignataro, in relazione all'emergenza ambientale che si é determinata in tutta l'area su cui sorge la discarica. Comunicazione della diffida della Regione Calabria é stata inviata alla Procura della Repubblica di Castrovillari, che ha aperto un'inchiesta per accertare eventuali responsabilità nella fuoriuscita del percolato e sequestrato la discarica. "Occorre intervenire con tempestività - é detto nella nota della Regione Calabria - per salvaguardare l'ambiente, il mare e le falde acquifere e per garantire la sicurezza dei cittadini. La Regione, attraverso ArpaCal, sta monitorando la situazione e sta seguendo con attenzione l'emergenza in atto, mettendosi a disposizione degli enti locali per ogni possibile supporto". "La Bieco srl - conclude il comunicato - è responsabile di quanto é accaduto e dovrà ripristinare a sue spese la regolare funzionalità della discarica di Scala Coeli". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Israele, la Knesset approva una risoluzione che respinge l'istituzione di uno Stato palestinese

Le notizie del giorno | 18 luglio - Serale

Venezuela, attentato contro María Corina Machado, leader dell'opposizione e principale rivale di Maduro