EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Aggressione a gruppo migranti in Calabria, un fermo

Contestata l'aggravante dell'odio razziale. Indagini su complici
Contestata l'aggravante dell'odio razziale. Indagini su complici
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CASSANO ALLO IONIO, 24 GIU - Un giovane di nazionale italiana di 23 anni, di cui non è stata resa nota l'identità, è stato fermato dai carabinieri e condotto in carcere con l'accusa di essere uno dei responsabili dell'aggressione compiuta la sera del 19 giugno scorso ai danni di un gruppo di migranti , in presenza di molte persone, tra cui anziani e gruppi familiari con bambini, in un'area pubblica di Cassano allo Ionio. Due dei migranti, a causa dell'aggressione, messa in atto con l'utilizzo anche di spranghe di metallo, sono rimasti feriti, uno dei quali in modo grave. Il fermo è stato fatto dai carabinieri della Compagnia di Cassano allo Ionio in esecuzione di un provvedimento, convalidato dal Gip, emesso dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, che ha coordinato l'attività investigativa. Al giovane fermato viene contestato il reato di tentato omicidio, con l'aggravante dell'odio razziale. L'aggressione, comunque, secondo quanto si é appreso, sarebbe scaturita da futili motivi. Le indagini proseguono per identificare altre persone coinvolte nei fatti. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti: Joe Biden si ritira dalla corsa presidenziale, appoggio a Kamala Harris

Bangladesh: studenti non fermano la protesta, il governo estende il coprifuoco

Trump tesse le lodi di Putin, Xi e Orbán, sull'attentato: "Ho preso un proiettile per la democrazia"