EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

A Vico Equense siglata la pace sulla 'pizza a metro'

I familiari dell'inventore protestano, Comune cambia il marchio
I familiari dell'inventore protestano, Comune cambia il marchio
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - VICO EQUENSE (NAPOLI), 21 GIU - La guerra della 'pizza al metro', a Vico Equense, è finita: il Comune ha deciso di modificare la denominazione comunale (de.co) 'Pizza di Vico al metro' dopo che gli eredi di Gigino Dell'Amura, lo storico inventore di quel tipo di pizza, sono saliti sulle barricate rivendicandone la primogenitura. "Chi è stato primo resterà per sempre primo", dissero un mese e mezzo fa, quando il Comune istituì la de.co. "Nessuno può impedire a nessuno di fare una pizza e di venderla al metro, ma la ricetta originale e autentica è quella che fu inventata da Luigi Dell'Amura, conosciuto come Gigino, il 4 settembre 1959". E così ora, come si legge in un comunicato, "l'amministrazione comunale, di comune accordo con la famiglia Dell'Amura, a seguito delle incomprensioni sorte, del tutto estranee alle intenzioni dell'amministrazione stessa, è giunta alla decisione di modificare la dicitura del marchio della Denominazione Comunale". La nuova denominazione sarà solo 'Pizza di Vico' e "continuerà ad identificare, anche fuori dal territorio, l'unica e pregevole pizza che è possibile degustare nelle numerose pizzerie di Vico Equense che aderiranno alla Denominazione Comunale". "La città di Vico Equense, fin dall'atto della costituzione della De.Co - continua il comunicato - ha riconosciuto l'importanza e il merito dovuti a chi ha avuto l'intuizione e la primogenitura di un prodotto gastronomico eccellente, innovativo, che ha reso celebre la città nel mondo. Con 'Pizza di Vico' sarà da oggi ancora più chiaro ed evidente che tutti remeranno in un'unica direzione: promuovere e diffondere la pizza vicana". "Con l'intelligenza e il lavoro di squadra si possono superare incomprensioni e ostacoli", dice il sindaco Peppe Aiello. E soddisfatta è anche la famiglia Dell'Amura, titolare dello storico marchio 'Pizza a metro': "Siamo contenti che tutto si sia risolto nel modo giusto e che i pezzi del mosaico siano andati a posto". Comunque si sia ricomposta la querelle, a Vico Equense il luogo simbolo della pizza al metro resta quello di via Nicotera. A ricordarlo c'è la statua di Gigino Dell'Amura, lì dal 21 giugno 2018, quando fu installata per festeggiare i primi 50 anni di attività del locale. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 22 luglio - Serale

Striscia di Gaza: raid israeliano su Khan Younis dopo ordine di evacuazione, decine di morti

Le notizie del giorno | 22 luglio - Pomeridiane