EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Donna obesa e malata abbandonata in un androne per 4 ore

Il racconto del figlio, i vigili del fuoco non ci hanno aiutato
Il racconto del figlio, i vigili del fuoco non ci hanno aiutato
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 20 GIU - Una donna obesa e invalida al 100% appena dimessa dal Policlinico di Palermo dopo quasi un mese di ricovero, è rimasta questo pomeriggio tre ore e 45 minuti distesa su una barella nell'androne del palazzo dove vive, in attesa che vigili del fuoco, protezione civile o una delle associazioni contattate dai familiari l'aiutassero a raggiungere la propria abitazione che si trova al tredicesimo piano dell'edificio. Ma nessuno è intervenuto. A raccontare all'ANSA l'episodio è il figlio della donna, Giulio Pillitteri. "Sono sconvolto per quanto è accaduto, per la mancanza di umanità e di insensibilità nei confronti di una donna malata - dice - Gli unici che ci hanno assistito sono stati i carabinieri, che sono subito intervenuti quando li ho chiamati. I vigili del fuoco si sono rifiutati di intervenire perché secondo loro non si trattava di una emergenza. Eppure un mese fa quando mia mamma, che ha 67 anni, è caduta in casa fratturandosi la spalla, sono stati proprio i vigili del fuoco a portarla giù dal tredicesimo piano della casa quando li abbiamo chiamati. Perché questa volta non ci hanno voluto aiutare? Perché tanta insensibilità". La donna si è fratturata la spalla lo scorso 23 maggio. "Dopo essere stata aiutata dai pompieri ad alzarsi e a lasciare l'abitazione - ricorda il figlio - mia madre è stata subito trasferita in ambulanza al Policlinico, dove è rimasta ricoverata fino a oggi. Oltre alla frattura scomposta della spalla, i medici hanno riscontrato purtroppo gravi patologie: una disfunzione renale, uno scompenso cardiaco, una polmonite e una infezione al sangue. I sanitari del Policlinico l'hanno salvata". Dimessa alle 15 di oggi, la paziente è stata caricata su una ambulanza privata che ha raggiunto l'abitazione della donna. "Nessuno però ci ha voluto aiutare a riportarla a casa, tranne i carabinieri che ce l'hanno messa tutta e per questo li ringrazio - conclude Giulio Pillitteri - Dopo quasi 4 ore in barella, con mio padre siamo stati costretti a portare mia madre in ambulanza a Ficuzza (Pa) dove abbiamo una casa al pianoterra". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti: Joe Biden si ritira dalla corsa presidenziale, appoggio a Kamala Harris

Bangladesh: studenti non fermano la protesta, il governo estende il coprifuoco

Trump tesse le lodi di Putin, Xi e Orbán, sull'attentato: "Ho preso un proiettile per la democrazia"