EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Grillo, brigate cittadine? Fermatevi era una boutade!

Governo faccia una legge per abuso di lavori socialmente utili
Governo faccia una legge per abuso di lavori socialmente utili
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 19 GIU - "Fermatevi!! Era una boutade. E' possibile che prendiate tutto sul serio? Anche i giornali hanno esagerato un po'. Fermatevi!". Inizia così il video che Beppe Grillo ha lanciato su Twitter in risposta alle polemiche scoppiate dopo l'invito di sabato, rivolto alla cittadinanza, a mettere in piedi le "brigate cittadine": gente in piazza "con il passamontagna" per sistemare strade e tombini. "Mi sono arrivate delle notizie drammatiche - prosegue l'esponente del M5S - è stato avvistato un idraulico di 70 anni che aggiustava 6 tombini di notte con il passamontagna. E' stato visto un albanese di 64 anni con cazzuola che ha messo a posto 8 marciapiedi durante la notte con il passamontagna. Non si può andar avanti così. Fermatevi! Serve anche una legge. Il governo deve reagire, deve fare una legge. Abolire l'abuso d'ufficio e mettere l'abuso di lavori socialmente utili. Finitela. Siate coerenti con voi stessi e con il governo e con la politica. Uscite e applaudite la città. Dovete dire 'guarda che bel tombino devastato, che meraviglioso marciapiede rotto, guarda che piante amuffite'!. Questo dovete fare. Smettetela perchè altrimenti scoppia un casino ottimale!". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Finale di Euro 2024 Spagna-Inghilterra: quote, curiosità e precedenti testa a testa

La crisi immobiliare colpisce la Grecia, i prezzi delle case sono aumentati dell'11 per cento

Francia, Macron rassicura la Nato sugli impegni per l'Ucraina: dilemma maggioranza e primo ministro