EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Papa, dolore per le vittime nell'Egeo, il mare era calmo

Ringrazia poi per i messaggi di affetto ricevuti in ospedale
Ringrazia poi per i messaggi di affetto ricevuti in ospedale
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CITTÀ DEL VATICANO, 18 GIU - Martedì 20 giugno ricorre la giornata mondiale dal rifugiato promossa dalle Nazioni Unite. Lo ha ricordato il Papa all'Angelus. "Con grande tristezza e tanto dolore penso alle vittime del gravissimo naufragio avvenuto nei giorni scorsi al largo delle coste della Grecia. E sembra, sembra - ha sottolineato Papa Francesco - che il mare era calmo. Rinnovo la preghiera per quanti hanno perso la vita e imploro che sempre si faccia tutto il possibile per prevenire simili tragedie". Il Papa ha anche rivolto un pensiero agli studenti colpiti dal "brutale attacco" in Uganda e ha chiesto di "perseverare nella preghiera per la martoriata Ucraina che soffre tanto". All'inizio dell'Angelus il Pontefice aveva ringraziato per i messaggi ricevuti durante il suo ricovero al Policlinico Gemelli. "Desidero esprimere la mia gratitudine per l'affetto, la premura, l'amicizia", "questa vicinanza umana e spirituale è stata per me di grande aiuto e conforto". La voce del Papa è apparsa ancora debole anche se ha recitato regolarmente l'Angelus, in piedi, affacciato al balcone del Palazzo apostolico. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Striscia di Gaza: raid israeliano su Khan Younis dopo ordine di evacuazione, decine di morti

Le notizie del giorno | 22 luglio - Pomeridiane

Corea del Sud, i lavoratori della Samsung Electronics in sciopero