EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Maltempo: E-R, allerta arancione per criticità idrogeologica

Nelle zone di montagna. Per domani previsti forti temporali
Nelle zone di montagna. Per domani previsti forti temporali
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLOGNA, 13 GIU - E' di nuovo allerta arancione in alcune zone dell'Emilia-Romagna dalla mezzanotte di mercoledì a quella di giovedì per criticità idrogeologica. L'allarme riguarda la montagna romagnola, bolognese, emiliana centrale e piacentino-parmense. Allerta gialla, invece, per temporali, sull'intera Emilia-Romagna. Per domani, infatti, sono previste condizioni favorevoli allo sviluppo di temporali localmente di forte intensità, più probabili sui rilievi con precipitazioni intense che possono generare innalzamenti dei livelli idrometrici nei corsi d'acqua e, sui versanti, fenomeni franosi e di ruscellamento. Con particolare riferimento al settore centro-orientale non si escludono allagamenti delle aree urbane dovuti al non totale ripristino della rete fognaria e nella parte collinare permane la possibilità di evoluzione dei dissesti che si sono innescati nelle ultime settimane. Permangono, inoltre, condizioni di criticità localizzate nella pianura bolognese (con particolare riferimento ai territori di Molinella e Budrio) e ravennate (per gli affluenti del Reno) per la difficoltà di smaltimento delle acque che gravano sul reticolo secondario e di bonifica e per possibili problemi di tenuta arginale. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Proteste in Bangladesh: studenti in piazza contro il governo, aumentano i morti negli scontri

Brasile, fiume pieno di pesci morti a San Paolo: colpa degli scarichi industriali

Deputata romena con la museruola cacciata dal Parlamento Ue prima di voto per von der Leyen