EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Luzi, non abbassare la guardia nella lotta alla mafia

Comandante carabinieri: 'microcriminalità è problema nazionale'
Comandante carabinieri: 'microcriminalità è problema nazionale'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 13 GIU - "Non dobbiamo abbassare la guardia perché la battaglia nei confronti della criminalità organizzata, di Cosa nostra visto che siamo qua in Sicilia, è ancora lunga". Lo ha detto il comandante generale dei carabinieri Teo Luzi intervenuto a Palermo in via Scobar alla cerimonia per il 40/o anniversario dell'eccidio di tre militari dell'Arma uccisi dalla mafia. Altre iniziative sono previste a Monreale, al gruppo Carabinieri e nel Duomo. "Siamo qua - ha sottolineato Luzi - per fare memoria dei nostri tre carabinieri trucidati nel 1983 capitano D'Aleo, l'appuntato Bommarito e l'appuntamento Morici. Tre eroi dell'arma contemporanea che andarono incontro a morte per certi aspetti anche in modo consapevole tenuto conto che c'era stato un quadro di riferimento molto violento nel territorio di Monreale dove facevano servizio. Abbiamo il dovere - ha aggiunto il comandante generale di Carabinieri - di ricordarli e dire ai familiari che non sono morti invano perché nel frattempo in questi 40 anni molte cose sono cambiate, c'è stato un movimento culturale importante soprattutto qui a Palermo, ma in tutta la Sicilia e in tante regioni italiane e questo per noi è l'elemento più qualificante". "La microcriminalità è un problema e si cerca di contenerla - h osservato il generale Luzi - è un problema nazionale, europeo e mondiale. Se prendiamo un Paese di riferimento come gli Stati Uniti, il tasso di microcriminalità non è certo migliore rispetto a quello italiano. Solo per darvi un'idea, in Italia ci sono meno di 300 omicidi all'anno. Londra ne registra più di 300, New York 500. È un tema sul quale siamo molto attenti e su cui le forze di polizia e di magistratura sono molto sensibili. Il nostro compito è quello di contenere questi comportamenti negativi a livello sociale. Ma - ha chiosato - non siamo salvatori di un'etica sociale dal momento che la criminalità è sempre esistita da quando c'è l'uomo". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La crisi immobiliare colpisce la Grecia, i prezzi delle case sono aumentati dell'11 per cento

Francia, Macron rassicura la Nato sugli impegni per l'Ucraina: dilemma maggioranza e primo ministro

Le notizie del giorno | 12 luglio - Serale