EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Condannato per violenza a una 15enne, 'chi mi ama mi vendichi'

Dopo la pena definitiva a 6 anni appello social agli amici
Dopo la pena definitiva a 6 anni appello social agli amici
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TREVISO, 08 GIU - Nel giorno della sua condanna definitiva a 6 anni per aver violentato in discoteca una minorenne, si appella agli amici sui social con un post: 'chi mi ama mi vendichi'. Protagonista della vicenda è Filippo Roncato, 27enne di Loreggia (Padova), ex pr di una discoteca nel Trevigiano. La Corte di Cassazione nei giorni scorsi ha ritenuto inammissibile il ricorso presentato dai suoi legali confermando i 6 anni di carcere inflitti in Appello per aver abusato nel 2015 di una ragazzina di 15 anni. Dopo aver sempre negato nelle fasi processuali qualunque violenza e parlato di un rapporto consenziente, ora Roncato si sfoga sui social dicendosi vittima "di malagiustizia e ingiustizia", lanciando un appello agli amici per vendicarlo e annunciando che il giorno successivo sarebbe stato portato in carcere a Bollate (Milano). Nessun commento da parte del suo legale, sulle esternazioni social. "Non frequento i social - sottolinea il difensore - in ogni caso lui si assumerà la responsabilità di ciò che ha scritto". La minaccia ha fatto ripiombare nella paura la vittima della violenza, che oggi ha 23 anni e sino alla sentenza definitiva si è vista ricoprire dagli amici di Roncato di insulti e minacce. Un calvario, racconta, che le ha fatto perdere 35 chili di peso. "Non gli porto rancore - afferma oggi la giovane - ma le sue parole mi spaventano". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Olimpiadi: tuffo nella Senna per la ministra dello Sport Oudéa-Castéra

János Bóka: "L'Europa deve avere rapporti diplomatici con la Russia"

Spagna: sette feriti nella festa a Pamplona, nessuno dalle corna dei tori