Baby gang violenta a Palermo, cinque finiscono in comunità

Indagini della squadra mobile su un'aggressione durante movida
Indagini della squadra mobile su un'aggressione durante movida
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 07 GIU - La polizia di Stato, su delega della procura del tribunale per i minorenni, ha eseguito un'ordinanza di custodia cautelare attraverso il collocamento in comunità, emessa dal gip del tribunale per i minorenni, a carico di cinque ragazzi, appartenenti ad una baby gang, accusati di lesioni aggravate in concorso. Il provvedimento, eseguito dai poliziotti della squadra mobile, scaturisce da un'indagine avviata dalla sezione "contrasto al crimine diffuso - falchi" a seguito di una violenta aggressione, avvenuta per futili motivi lo scorso 4 dicembre, in via Candelai, una zona teatro della movida cittadina. Un'aggressione con quattro maggiorenni violenta con l'utilizzo di un "tirapugni". Le vittime portate in ospedale con una prognosi di 40 giorni riportarono anche fratture alla mandibola e trauma cranico che comportarono un intervento chirurgico maxillo-facciale con l'applicazione di protesi. Grazie alle immagini dei sistemi di videosorveglianza sono stati identificati i componenti della baby gang, circa quindici, di cui due maggiorenni denunciati alla procura. Gli autori del violento pestaggio sono stati identificati anche grazie alle foto fatte dagli aggrediti, dall'analisi dei cellulari, dai tabulati telefonici e dai profili social dei componenti della banda. Sono state, inoltre, eseguite perquisizioni e sequestri di apparati radiomobili a carico di altri 8 minorenni, indagati per il medesimo reato, ma non destinatari di un provvedimento restrittivo. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Udienza pubblica per il Papa: evidenti difficoltà respiratorie

Glifosato, le ombre dietro al rinnovo dell'Ue per l'utilizzo del pesticida

Expo 2023 Doha: soluzioni innovative per rendere i deserti più verdi