EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Maltempo: gravi danni a Marzabotto al Sacrario dei Caduti

De Maria, i ministeri competenti mettano in campo le risorse
De Maria, i ministeri competenti mettano in campo le risorse
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLOGNA, 05 GIU - "Con le nuove piogge di questo fine settimana si è allagato il Sacrario dei Caduti di Marzabotto. Il Comitato Onoranze ai Caduti di Marzabotto è intervenuto subito e ha messo in sicurezza questo luogo della Memoria così importante per tutto il Paese". Così Andrea De Maria, deputato Pd, ed ex sindaco del paese. "A seguito degli eventi legati al maltempo ci sono stati già danni molto rilevanti alla viabilità a Monte Sole, che impediscono l'accesso ad alcuni luoghi dell'eccidio del 1944 di Marzabotto, Monzuno e Grizzana ai parenti delle vittime, alle scolaresche, ai visitatori. Già molte gite scolastiche sono state annullate per l'impossibilità di raggiungere Monte sole con i pullman. Su quei lunghi è in atto un impegno finanziario del Ministero della Cultura", ha aggiunto De Maria. "Nell'ambito della ricostruzione in Emilia-Romagna sono convinto che i ministeri competenti, Cultura e Difesa, possano e debbano mettere in campo risorse per salvare un riferimento fondamentale per l' identità democratica e civile del Paese. Intendo assumere, in accordo con il Comune, il Comitato Onoranze ai Caduti, i familiari delle vittime di Marzabotto una iniziativa parlamentare in merito", ha concluso il deputato Pd. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti, al coro di Dem che chiede il ritiro di Biden si sarebbero aggiunti Obama e Pelosi

Israele: attacco con droni su Tel Aviv rivendicato dagli Houthi, un morto

Trump accetta la nomination repubblicana: il racconto dell'attentato e i rapporti con Orbán e Russia