EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

La sorella di Giulia, 'non capiva in che trappola era'

Raccolta firme online per la famiglia e l'associazione Penelope
Raccolta firme online per la famiglia e l'associazione Penelope
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 02 GIU - "Giulia sei bellissima in tutte le foto che le persone riportano": le parla in prima persona Chiara in un post su Instagram in cui ringrazia per la "bella iniziativa" della raccolta fondi organizzata dai suoi colleghi a favore della sorella, uccisa a 29 anni incinta da 7 mesi dal fidanzato. "È difficile trovare una foto in cui tu non splenda. Hai il viso di chi non conosce cattiveria. Troppo ingenua per capire in che trappola ti trovassi" scrive Chiara definendo Giulia "insostituibile". "Ti guardo in questa foto - prosegue Chiara riferendosi all'immagine si gofoundme - e penso a quanto Thiago ti potesse somigliare. Avrebbe preso i tuoi occhi, questi occhi mi tormenteranno per sempre. Non potrebbe esserci immagine più bella per questa raccolta fondi". "Questa foto - aggiunge - esprime tutta la tua bontà d'animo e tenerezza, la stessa che ha guidato l'apertura di questa bella iniziativa. Grazie ai miei amici, colleghi dell'Istituto Italiano di Tecnologia e a tutti coloro che stanno supportando questa iniziativa in ricordo della mia bellissima e insostituibile sorella maggiore Giulia". La raccolta fondi è stata promossa dall'Istituto Italiano di Tecnologia dove lavora Chiara, la sorella di Giulia che dal momento della sua scomparsa ha lanciato appelli per ritrovarla. "Questa è una campagna ufficiale di raccolta fondi promossa dall'Istituto Italiano di Tecnologia, dove lavora la sorella di Giulia. Giulia Tramontano - spiega il testo della raccolta - è stata uccisa dal suo partner, mentre aspettava un bambino, il 27 Maggio 2023 vicino a Milano. Il ricavato verrà devoluto in minor parte all'Associazione Penelope, che ha curato il caso, e il rimanente sarà destinato alla famiglia di Giulia per coprire le ingenti spese causate da questa tragedia". Al momento sono state 361 le donazioni per seimila 413 euro. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bangladesh: studenti non fermano la protesta, il governo estende il coprifuoco

Trump tesse le lodi di Putin, Xi e Orbán, sull'attentato: "Ho preso un proiettile per la democrazia"

Alta tensione tra Israele e Houthi: morti e feriti a Hodeida, abbattuto un missile dallo Yemen