EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Per l'architetto di Putin è nullo il decreto di latitanza

Il suo legale, vuole comparire al processo a Brescia
Il suo legale, vuole comparire al processo a Brescia
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BRESCIA, 01 GIU - Il Tribunale di Brescia ha accolto per oggi e per la prima volta l'istanza di rinvio per legittimo impedimento nei confronti dell'architetto Lanfranco Cirillo, l'imprenditore ribattezzato l'architetto di Putin per la vicinanza al leader russo. E' imputato a Brescia per reati di natura fiscale ma si trova a Mosca dove risiede e da dove ha riferito ancora alla scorsa udienza, non può partire per raggiungere l'Italia partecipare al processo. Il tribunale ha inoltre precisato e ribadito la nullità del decreto di latitanza nei confronti di Cirillo sul quale da agosto di un anno fa pendeva un mandato di arresto internazionale. "Oggi ci sono stati due importanti passi in avanti a livello processuale, è stato riconosciuto dal tribunale che non è una volontà di Lanfranco Cirillo quella di non comparire al processo, ma una causa di forza maggiore che gli impedisce di essere in aula, e seconda ma non meno importante, il tribunale ci ha tenuto a precisare e ribadire la nullità del decreto di latitanza, che testimonia che Lanfranco Cirillo non sarebbe mai dovuto essere dichiarato latitante", ha commentato Stefano Lojacono, legale di Cirillo. La prossima udienza è fissata per il prossimo 15 giugno. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa 2024, Trump sceglie il suo vice: il senatore J.D. Vance

Stati Uniti, Trump: archiviata l'accusa sulla detenzione di documenti riservati

Le notizie del giorno | 15 luglio - Serale