EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Favorì latitanza marito, 22enne agli arresti domiciliari

Accuse a donna aggravate da agevolazione associazione mafiosa
Accuse a donna aggravate da agevolazione associazione mafiosa
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - FOGGIA, 27 MAG - Avrebbe favorito la latitanza del marito Gianluigi Troiano, ritenuto "fedelissimo" al clan retto da Marco Raduano, il boss del Gargano evaso dal carcere di massima sicurezza di Nuoro a febbraio scorso. Per questo i carabinieri hanno arrestato e posto ai domiciliari la 22enne Anna Chiara Notarangelo. La donna deve rispondere di favoreggiamento aggravato dall'agevolazione dell'associazione mafiosa. Il provvedimento è stato emesso dalla sezione del riesame delle misure cautelari del tribunale di Bari dopo il rigetto del ricorso per Cassazione, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia di Bari che ha diretto e coordinato le indagini dei carabinieri. Gianluigi Troiano evase dagli arresti domiciliari con applicazione del braccialetto elettronico circa un anno e mezzo fa a Campomarino, in provincia di Campobasso. Secondo gli inquirenti sua moglie, in concorso con altre due persone già arrestate lo scorso dicembre, avrebbe offerto appoggi logistici, coperture, veicoli per gli spostamenti, ospitalità, schede telefoniche, denaro e beni di ogni genere al coniuge, aiutandolo a sottrarsi alle ricerche. La donna è stata posta ai domiciliari per consentirle di prendersi cura dei suoi tre figli. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Europa, la stagione degli incendi: fiamme dal Portogallo alla Macedonia del Nord

Le notizie del giorno | 23 luglio - Mattino

Guerra in Ucraina: Kiev colpisce raffineria russa a Krasnodar, un morto a Belgorod e uno nel Donetsk