Nuova condanna per il sindaco di Norcia per opere post sisma

Alemanno, non vale più nemmeno la pena fare altri commenti
Alemanno, non vale più nemmeno la pena fare altri commenti
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 24 MAG - Per il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno, è arrivata la seconda condanna nell'ambito delle varie inchieste giudiziarie, avviate a suo carico dalla procura della Repubblica di Spoleto, inerenti a degli atti amministrativi legati all'emergenza post terremoto. Gli è stato inflitto un anno e dieci mesi di reclusione per falso e abuso d'ufficio per la costruzione di una casetta sede provvisoria della pro loco. La notizia è riportata dai giornali e altri media locali. Il presidente della pro loco, Domenico Rossi, committente dell'opera, è stato condannato a un anno (pena sospesa) per abuso d'ufficio. Il difensore di Alemanno, l'avvocato Massimo Marcucci, ha già annunciato il ricorso in appello. Il sindaco, sentito stamani dall'ANSA, si è limitato a dire che "non vale più nemmeno la pena fare altri commenti, ho già detto abbastanza su queste inchieste". La precedente condanna (15 mesi di reclusione) era stata inflitta al sindaco per "casa Ancarano". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, il re di Giordania a Israele: "Non si continui la guerra durante il Ramadan"

Parigi: riapre la Torre Eiffel, accordo tra sindacati e direzione

Zelensky: "Dall'inizio della guerra morti 31mila soldati ucraini"