EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Maltempo: conta dei danni nel Nuorese dopo allagamenti

Appello per due pastori ancora isolati 'siamo senza mangime'
Appello per due pastori ancora isolati 'siamo senza mangime'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NUORO, 22 MAG - Nel Nuorese, e in particolare a Dorgali, si procede alla conta dei danni dopo due giorni di pioggia ininterrotta che ha fatto salire il livello delle precipitazioni a 295 millimetri di acqua caduta nel territorio comunale: il dato rilevato dal Coc è il più alto dell'Isola. Dopo questo fine settimana restano dissestate tante strade di campagna e rimangono ancora isolati due pastori: per raggiungerli stamattina la Condiretti di Nuoro ha chiesto l'intervento del prefetto Giancarlo Dionisi. "Finché non scende il livello dell acqua nel rio Sa Oche, io e un pastore di Oliena non possiamo rientrare in paese - ha detto all'ANSA l'allevatore di Dorgali Francesco Carta - Ci vorranno ancora quattro o cinque giorni prima che il livello dell'acqua scenda e che ci consenta di attraversare la strada, ma nel frattempo siamo senza mangime. La Coldiretti ha chiesto l'attivazione di un elicottero in Prefettura: chiediamo celerità perché le nostre pecore hanno bisogno di mangime subito". Im paese, intanto, è tornata l'acqua potabile: ieri era i dorgalesi erano rimasti senza a causa dell'allagamento delle pompe di sollevamento della sorgente di Su Gologone, ma stamattina l'intervento dei tecnici di Abbanoa ha avuto l'effetto di ripristinare la distribuzione idrica . Restano ancora chiuse la strada provinciale che da Cala Gonone porta a Cala Fuili mare a causa di alcune frane e la provinciale 46, tra Oliena e Dorgali, all'altezza del ponte di Oloé, il viadotto crollato durante l'alluvione del ciclone Cleopatra nel 2013, nella quale perse la vita il poliziotto di Nuoro, Luca Tanzi, e ora ricostruito. Le intense piogge associate alle mareggiate hanno cancellato le spiagge di Cala Luna e Cala Sisine, nel golfo di Orosei, mentre l'apertura della foce del Cedrino verso il mare - decisa dal Consorzio di Bonifica su sollecitazione dei sindaci - ha messo in salvo la piana di Galtellì, Irgoli, Onifai e Orosei. Allagamenti e qualche frana anche in Ogliastra e a Nuoro, dove un muro è crollato su due auto. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Polonia, manifestanti in piazza a Varsavia in difesa del diritto all'aborto

Guerra in Ucraina: Kiev mette pressione in Crimea, Mosca attacca le infrastrutture

Le notizie del giorno | 24 luglio - Mattino