EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Mafia: priorità del Paese? In calo l'allarme dei cittadini

Ipsos, priorità per il 55%, sette punti in meno del 2022
Ipsos, priorità per il 55%, sette punti in meno del 2022
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 20 MAG - La mafia di oggi non è più quella del passato. Quasi quattro italiani su cinque (il 77%) condividono l'opinione per cui "i mafiosi attuali non sono più contadini semianalfabeti ma manager in giacca e cravatta che girano il mondo". Le mafie, inoltre, secondo tre italiani su quattro, non sono più un fenomeno circoscritto alle regioni del Mezzogiorno, ma si sono diffuse anche nel resto d'Italia e del mondo. Il 71% delle persone ritiene, poi, che, più che armi e violenza, siano oggi la finanza globale e le grandi multinazionali l'ambito d'azione prediletto dagli uomini d'onore. In netto calo, invece, la rilevanza e l'urgenza attribuite al problema mafia. A un anno dalla indagine demoscopica che Ipsos Public Affairs realizzò per la Fondazione Falcone alla vigilia dell'anniversario della strage di Capaci, l'istituto è tornato a monitorare la percezione del fenomeno mafioso. Un sondaggio che evidenzia innanzitutto come il cambiamento delle mafie sia stato colto negli anni dagli italiani. I risultati dell'indagine confermano un dato già emerso l'anno scorso e cioè il venir meno di una lettura antropologica o addirittura folkloristica del fenomeno che vedeva nella mafia "un fenomeno culturale, una mentalità insita in alcune fasce della popolazione". Convinzione di un solo italiano su sei. E allora cosa è la criminalità organizzata per gli italiani? Una degenerazione criminale di forme di potere economico (per il 19%) o politico (per il 20%), o ancor più semplicemente di una manifestazione estremamente violenta e organizzata di criminalità (opinione prevalente con il 28%). Altro elemento significativo è il calo di priorità attribuita al problema mafioso che si registra a distanza di un anno: a considerare quello delle mafie "il problema più urgente" o "uno dei problemi più urgenti" per l'Italia è ancora una maggioranza (il 55%), ma il dato segna un calo di ben 7 punti rispetto al 2022. Se si declina la domanda sul Mezzogiorno la percentuale attuale è del 61% ma il calo è addirittura di 8 punti rispetto ad un anno fa. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Donetsk, massicci bombardamenti russi: a Kostiantynivka una vittima e cinque feriti

Le notizie del giorno | 23 luglio - Pomeridiane

Parigi 2024: previsioni sul medagliere, record che potrebbero essere battuti e programma