EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Rubò ambulanza per andare a discoteca, evade e va in carcere

Gip lo fa arrestare, incapace di rispettare arresti domiciliari
Gip lo fa arrestare, incapace di rispettare arresti domiciliari
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PORTO AZZURRO (LIVORNO), 14 MAG - All'Elba è evaso dagli arresti domiciliari il 28enne già arrestato per il furto di un'auto dopo che era stato denunciato, come gravemente indiziato, di essere l'autore del furto e del danneggiamento di un'autoambulanza per andare in discoteca, vicenda che fece scalpore sull'isola. A causa dell'evasione, i carabinieri di Porto Azzurro sono intervenuti su ordine della procura di Livorno per eseguire un'ordinanza di aggravamento di misura cautelare, che dai domiciliari porta il 28enne in carcere. Inoltre, sempre mentre era agli arresti domiciliari in attesa di processo, i carabinieri lo avevano sottoposto a diversi controlli ed erano pure intervenuti su richiesta della madre, con cui vive, la quale "si era rifiutata di consegnargli denaro per acquistare stupefacenti" come scriveva il gip, scatenando una reazione gravemente minacciosa e violenta, documentata dai militari. Poi c'è stata pure l'evasione. Tutti comportamenti che per le autorità mostrano che il 26enne è "incapace di attenersi alle prescrizioni connesse alla misura degli arresti domiciliari". Su richiesta della procura è stato chiesto l'aggravamento della misura cautelare e il gip ha stabilito che il 28enne venisse trasferito in carcere. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Olimpiadi: tuffo nella Senna per la ministra dello Sport Oudéa-Castéra

János Bóka: "L'Europa deve avere rapporti diplomatici con la Russia"

Spagna: sette feriti nella festa a Pamplona, nessuno dalle corna dei tori