Morì in autostrada dopo dimissioni ospedale, chiusa indagine

61enne operata a Messina. 17 indagati tra medici e infermieri
61enne operata a Messina. 17 indagati tra medici e infermieri
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MESSINA, 13 MAG - Il sostituto procuratore di Messina Alessandro Liprino ha firmato l'avviso di conclusione delle indagini preliminari nei confronti di 17 indagati, tra medici e infermieri dell'ospedale Papardo, nell'ambito dell'inchiesta sulla morte, nel 2021, di Maria Pia Castrovinci, di 61 anni. I reati ipotizzati sono omicidio colposo e responsabilità colposa per morte o lesioni in ambito sanitario, e, per un indagato, un'ipotesi di falso in cartella clinica. Lo scrive la Gazzetta del Sud. A distanza di quasi due anni, dopo un incidente probatorio e una proroga d'indagine, il contesto per la Procura non è cambiato per quella morte drammatica. La donna era stata operata alla Ginecologia dell'ospedale Papardo. Era stata dimessa il 24 dicembre del 2021 ed era morta in autostrada, al casello di Villafranca della A20, lo stesso giorno, mentre i familiari la stavano riaccompagnando a casa. L'ipotesi è che il decesso possa essere stato acusato da una sospetta lesione della vescica durante l'intervento. Dopo l'esecuzione dell'autopsia, eseguita dal medico legale Giovanni Andò e dalla ginecologa Alfonsa Pizzo, emerse che c'erano state delle complicanze dopo l'intervento che avevano portato alla morte la donna: durante l'intervento chirurgico sarebbe stata per errore lesionata la vescica urinaria della paziente. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania, un 17enne entra con un coltello in un liceo: quattro feriti, due gravi

Romania, la coalizione di governo sovrappone le elezioni locali alle europee

In Ucraina mancano i soldati volontari, le truppe al fronte sono esauste