EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

In E-R ci sono ancora 545 sfollati per il maltempo

La situazione di maggiore criticità è nell'Appennino forlivese
La situazione di maggiore criticità è nell'Appennino forlivese
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLOGNA, 07 MAG - Sono ancora 545 gli sfollati a causa del maltempo dei giorni scorsi in Emilia-Romagna: sono 354 nel Bolognese, 118 nel Ravennate, 69 nel Forlivese-cesenate, e 4 nel Modenese. Anche se le piene dei fiumi non fanno più paura, l'emergenza resta alta: si sta lavorando per chiudere le brecce arginali causate dalle esondazioni, ripulire le vie e gli edifici allagati, evacuare chi si trova in situazioni di criticità a causa dei dissesti e assicurare il monitoraggio delle frane. Le condizioni di maggiore criticità si riscontrano sull'Appennino forlivese, dove 7 strade provinciali sono interrotte e un totale di 69 persone evacuate. Solo a Modigliana sono state censite 44 frane, di cui almeno 11 di grandi proporzioni. Sono in corso i sopralluoghi sulle situazioni più complesse, per definire le prime ipotesi di intervento di messa in sicurezza. Sono 48 gli evacuati e 34 le persone che vivono in centri abitati isolati. A Dovadola, la frana sulla strada comunale per Montepaolo ha portato all'evacuazione di 19 cittadini, tra cui gli ospiti di una comunità di persone fragili e 8 Suore Clarisse dell'Eremo Santuario Montepaolo. Sotto osservazione anche il dissesto in località Trove. A Predappio si contano due frane significative, a Porcentico e a Predappio Alta. Monitoraggio in corso anche nel Ravennate e nel Bolognese. La vicepresidente della Regione Irene Priolo sta incontrando i sindaci del territorio per fare il punto della situazione. "L'emergenza non è finita -dice - e l'attenzione resta elevata: abbiamo analizzato la situazione anche in vista delle evoluzioni del meteo per i giorni a venire, con un possibile ritorno delle piogge da mercoledì. La priorità è la sicurezza delle persone. La Regione assicura quindi tutto il supporto tecnico operativo alle amministrazioni locali anche per le evacuazioni in Appennino ancora necessarie, comprese quelle in via preventiva: in questo momento sono le situazioni che più ci preoccupano". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Attacco al campo di al-Mawasi, Netanyahu: "Non c'è certezza su morte di Deif"

Stati Uniti: Donald Trump ferito durante un attentato in Pennsylvania

Olimpiadi: tuffo nella Senna per la ministra dello Sport Oudéa-Castéra