EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Aborto: Non una di meno, 2.000 in corteo ad Ancona

Volontari pro vita, noi allontanati sotto scorta polizia
Volontari pro vita, noi allontanati sotto scorta polizia
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ANCONA, 06 MAG - "In tutta Italia vediamo come l'aborto sia in ostaggio dell'obiezione di coscienza e di politiche sociali familistiche di propaganda che fanno ben poco per sostenere le fasce sociali a rischio di povertà". Così una attivista di Non Una di Meno Marche spiega le ragioni che hanno spinto il movimento a promuovere una manifestazione nazionale ad Ancona attraverso la quale chiedono "l'aborto libero, sicuro e gratuito per tutte". Circa 2.000 persone hanno sfilato in corteo fino a piazza Cavour: tra loro esponenti di associazioni, movimenti anche politici e studenteschi, dei centri sociali, Aied, Molto+ di 194, Gulliver. Le attiviste di Non Una di Meno sono arrivate anche da altre regioni: Lombardia, Lazio, Piemonte, Emilia Romagna, a bordo di sei pullman. In corteo tanti striscioni che invocavano "l'interruzione di patriarcato" e un'installazione a forma di vagina. "Nelle Marche più dell'80% del personale sanitario è obiettore di coscienza" ha detto all'ANSA un'attivista. La manifestazione ha puntato il dito anche "contro le politiche conservatrici dall'aborto", esprimendo "sostegno alle persone razzializzate, alla comunità Lgbtqia+". Alla manifestazione ha preso parte anche uno "spezzone autonomo" del collettivo Sister On The Block di Fano: "non accettiamo la narrazione sensazionalistica che viene fatta sui nostri corpi". Ad animare il corteo anche un diverbio con i volontari del Centro di Aiuto alla Vita di Loreto, venuti con manifesti e striscioni per una contromanifestazione e per reagire alle contestazioni di un'iniziativa pro vita a Macerata di qualche settimana fa. "Non ci hanno fatto neanche srotolare lo striscione e siamo stati costretti a lasciare l'area del porto di Ancona scortati dalla polizia". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cina e Russia iniziano un'esercitazione congiunta nell'Oceano Pacifico

Commissione Ue, la posizione di Meloni sulla possibile rielezione di von der Leyen

Francia: il presidente Macron accetta le dimissioni del primo ministro Attal