EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Cadde dal pennone dell'Amerigo Vespucci e morì, 4 condanne

Sono tutti ufficiali della Marina Militare
Sono tutti ufficiali della Marina Militare
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 05 MAG - Quattro ufficiali della Marina Militare sono stati condannati dal tribunale di Civitavecchia in relazione alla morte di Alessandro Nasta, il nocchiere morto dopo essere precipitato dall'albero di maestra della nave scuola Amerigo Vespucci il 24 maggio 2012. Un anno e 10 mesi di reclusione per l'ex comandante Domenico La Faia e per l'ammiraglio Bruno Branciforte, e 1 anno e 2 mesi per gli ammiragli di Stato Maggiore Giuseppe De Giorgi e Luigi Binelli Mantelli, con beneficio della sospensione condizionale. Lo rendono noto gli avvocati della famiglia del marinaio, Massimiliano Gabrielli ed Alessandra Guarini, esprimendo "soddisfazione dopo 11 lunghissimi anni di processo in primo grado ed un infinito cambio di giudici". "Finalmente - dicono - è stata fatta giustizia per la morte del figlio, precipitato dopo un volo di 54 metri, per svolgere le operazioni di apertura e chiusura delle vele senza dispositivi di protezione individuale a norma, in aperta e consapevole violazione di qualsiasi legge sulla sicurezza, in nome del rispetto della tradizione marinaresca". "Questa coraggiosa sentenza - commentano i legali - dimostra la capacità dello Stato di giudicare sé stesso ed afferma definitivamente il principio che il risparmio sulla sicurezza sul lavoro non conviene, mai ed a nessuno. Anche per un ammiraglio di Stato Maggiore o il comandante della nave più bella del mondo". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Olimpiadi di Parigi 2024, città blindata e controlli a tappeto: in mille interdetti dall'evento

Polonia, manifestanti in piazza a Varsavia in difesa del diritto all'aborto

Guerra in Ucraina: Kiev mette pressione in Crimea, Mosca attacca le infrastrutture