EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

1 maggio: Don Ciotti, su Daouda Diane abbiamo dovere verità

Fondatore libera a manifestazione Acate per migrante scomparso
Fondatore libera a manifestazione Acate per migrante scomparso
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 01 MAG - "La speranza non è reato". Le parole di don Luigi Ciotti risuonano nella piazza Matteotti di Acate, a conclusione della manifestazione organizzata da Libera in occasione del Primo Maggio, ad Acate, il comune del ragusano dove lavorava Daouda Diane, l'ivoriano di 37 anni scomparso misteriosamente il 2 luglio dello scorso anno. "Non può essere un reato - ha sottolineato il fondatore di Libera - cercare di raggiungere la meta di un futuro migliore, come fanno molti nostri fratelli migranti". "Oggi Daouda è nostro fratello. Tra cinque giorni - ha annunciato Don Ciotti - sarò in Costa d'Avorio, la sua patria insieme al gruppo Abele. Lì ci sono una donna e dei bambini che ancora lo aspettano. A lui dobbiamo il dovere della verità. La verità: la verità passeggia per le vie della città, di questa città. C'è chi sa, c'è chi ha visto. A volte costa molto la verità. Ma lo dobbiamo a una donna e dei bambini". Don Ciotti ha concluso invitando all'impegno per la famiglia di Daouda, per cui è stata avviata una raccolta fondi ed a lanciato un appello: "Questa città, che è la sua città, adotti la sua famiglia. È un fratello vostro un cittadino di questa città". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 17 luglio - Serale

Parigi 2024, la sindaca Hidalgo nuota nella Senna alla vigilia delle Olimpiadi

Berlino: una mostra per ricordare le donne della resistenza contro il nazismo