EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Un mese di esercitazioni militari, ma la Sardegna non ci sta

E' parte della Task Force di risposta rapida dell'Alleanza
E' parte della Task Force di risposta rapida dell'Alleanza
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAGLIARI, 29 APR - Si concluderà con un 'Demonstration Day' a metà maggio la maxi esercitazione militare in Sardegna denominata Noble Jump: una giornata di dimostrazione delle potenze alleate congiunte - insieme ai soldati italiani anche gli alleati di Germania, Norvegia, Paesi Bassi, Repubblica Ceca e Lussemburgo - per saggiare la prontezza delle capacità di combattimento della Nato in uno scenario di guerra. Ma per l'Isola non sarà finita: la primavera di allenamenti alle battaglie continuerà dall'8 maggio, quando inizierà invece la Joint Stars: saranno coinvolti oltre 4.000 militari e circa 900 tra mezzi terresti, aerei e navali. E gli indipendentisti sardi e antimilitaristi restano in guardia, pronti a urlare un nuovo no alle esercitazioni e chiedere chiusura e riconversione dei poligoni militari. Per il momento non ci sono nuovi sit-in o cortei in programma, ma il movimento "no war" in Sardegna sta assistendo a un ricambio generazionale con nuovi attivisti che arrivano da scuole e università. Ieri intorno alla base aerea militare di Decimomannu ci sono stati anche momenti di tensione con le forze dell'ordine per un corteo organizzato da "Sardinnia aresti" che, in concomitanza con Sa die de sa Sardigna, si stava avvicinando troppo alla zona protetta da muri e filo spinato. Per allontanare i circa 250 manifestanti sono stati usati anche idranti e lacrimogeni. Una presenza non gradita dai pacifisti. "Basta con le esercitazioni. La Sardegna ospita circa il 65% del demanio militare italiano e ha sul suo suolo i due poligoni più grandi d'Europa, nelle aree di Teulada e Quirra, che ormai da decenni non fanno altro che devastare i nostri territori, talvolta in maniera irreparabile", dichiara Danilo Lampis di Sardegna chiama Sardegna. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni europee: von der Leyen apre a un accordo con Meloni

Carlo Acutis diventerà santo: è il primo millennial, considerato patrono di Internet

Iran, funerali Raisi: migliaia di persone per sepoltura a Mashhad, a Teheran vertice con le milizie