Procura Ascoli, party al Colle San Marco non era rave

Poche persone, niente pericolo per incolumità
Poche persone, niente pericolo per incolumità
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

Per il party interrotto dalla polizia nella notte tra il 24 e il 25 aprile in una cava a Colle San Marco (Ascoli Piceno) non è configurabile il reato recentemente introdotto di "invasione di terreni o edifici con pericolo per la salute pubblica o l'incolumità pubblica (633 bis cp)" per l' "assenza di un concreto pericolo per la incolumità e salute pubblica". A rilevarlo è il procuratore della Repubblica di Ascoli Piceno Umberto Monti in una nota, in cui fa il punto sulle indagini. Il reato non è configurabile "considerato il ridotto numero di partecipanti, il luogo aperto e in zona montana in cui si svolgeva il raduno, l'assenza di elementi circa abusi nel consumo di alcol o stupefacenti, l'assenza di ogni altro elemento relativo a situazioni di pericolo per la pubblica incolumità o salute, o relativo ad attività di cessione di stupefacenti o ad altri reati". Il magistrato ha disposto il dissequestro delle attrezzature musicali e di un furgone restituiti ai proprietari. La Procura di Ascoli Piceno comunque sta valutando la possibile configurabilità dei reati di invasione di terreni, art. 633 cp perseguibile a querela, che allo stato manca; contravvenzione per mancato preavviso al questore della manifestazione, art. 18 Tulps) o di violazioni amministrative, per delineare le eventuali responsabilità in capo agli organizzatori". Nella nota la Procura ascolana ha tracciato un bilancio di quanto avvenuto quella notte: "le persone partecipanti che stavano ballando e ascoltando musica erano circa 50, di cui 20 identificate. Nessun elemento fa ritenere che fosse prevista o attesa la partecipazione di ulteriori persone e tantomeno di centinaia di persone. Non è stato sequestrato nessun quantitativo di alcool; è stato sequestrato in via amministrativa un quantitativo minimale e pressoché irrilevante di sostanza stupefacente" aggiunge il procuratore Monti, sottolineando che "non è stato riscontrato nessun abuso nella consumazione di alcool o stupefacenti né alcuna attività di cessione di stupefacenti". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti: la Camera approva gli aiuti all'Ucraina per 61 miliardi di dollari

Gaza: Erdoğan incontra Ismail Haniyeh e il ministro degli Esteri egiziano a Istanbul

Migranti, i Paesi europei del Mediterraneo chiedono cooperazione e nuovi fondi