Viminale, accoglienza migranti diffusa, stop grandi centri

Un tavolo permanente Governo-Regioni, come per profughi ucraini
Un tavolo permanente Governo-Regioni, come per profughi ucraini
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 27 APR - Favorire l'accoglienza diffusa dei migranti attraverso i Centri di accoglienza straordinaria (Cas) e il Sistema di Accoglienza e Integrazione (Sai), escludendo categoricamente la nascita di grandi strutture, per quanto riguarda i Centri di Permanenza e Rimpatrio (Cpr). È quanto proposto dal ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, alla Conferenza delle Regioni dopo l'incontro di oggi con i governatori, assieme al ministro della Protezione Civile, Nello Musumeci, e il commissario per l'emergenza immigrazione, Valerio Valenti. A quanto si apprende, sarà anche previsto il potenziamento degli hotspot di primissima accoglienza in Calabria e Sicilia, per il triage dei nuovi arrivi. Ma anche un tavolo di confronto per un coordinamento permanente tra il commissario per l'emergenza immigrazione e le Regioni, ha poi proposto Piantedosi. A quanto si apprende, le Regioni - che hanno accolto la proposta- sarebbero concordi su una collaborazione che ricalchi il modello Ucraina, così come accaduto per i profughi ucraini. Successivamente ci saranno tavoli con ciascuna Regione. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Paesi Bassi: sospese le trivellazioni a Groninga, alto rischio terremoti

Tesla richiama oltre tremila Cybertruck per un guasto al pedale

Venezia: al via la Biennale segnata dalle guerre in Ucraina e Medio Oriente