EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Trapianto di fegato a due giorni dal parto a Torino

Senza organo per oltre 12 ore, per fermare emorragia
Senza organo per oltre 12 ore, per fermare emorragia
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TORINO, 27 APR - Un trapianto di fegato a due giorni dal parto ha salvato una donna di 38 anni a Torino, all'ospedale Molinette, con un problema piastrinico emerso dopo l'arrivo in un altro ospedale, il Martini. Effettuato il cesareo per la sofferenza fetale, i medici hanno trovato un sanguinamento importante dal fegato, con progressiva necrosi, quindi insufficienza d'organo e emorragia persistente. Da qui il trasferimento alle Molinette e l'urgenza del trapianto, avvenuto 13 ore dopo. Per arrestare l'emorragia però è stato rimosso subito il fegato, con temporanea derivazione del sangue della vena porta direttamente nella cava inferiore. Dopo la notte nella terapia intensiva, diretta dal dottor Roberto Balagna, durante la quale le sue condizioni si sono stabilizzate, la paziente ha potuto essere sottoposta con successo all'impianto del fegato del donatore da parte del professor Renato Romagnoli, direttore dell'equipe chirurgica del Centro trapianti, e della sua équipe. La ripresa funzionale dell'organo trapiantato è stata valida e immediata. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Israele, la Knesset approva una risoluzione che respinge l'istituzione di uno Stato palestinese

Le notizie del giorno | 18 luglio - Serale

Venezuela, attentato contro María Corina Machado, leader dell'opposizione e principale rivale di Maduro