Pd: Schlein, in squadra anche chi non la pensa come me

Intervista a Vogue, uscire dal Medioevo dei diritti
Intervista a Vogue, uscire dal Medioevo dei diritti
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 27 APR - Politica, ma anche vita privata e ricordi personali. La segretaria del Pd Elly Schlein ne ha parlato in un'intervista al magazine Vogue Italia. Per prendere decisioni difficili "non c'è un iter particolare - ha risposto Schlein - ma un metodo, che è quello dell'ascolto anche delle opinioni diverse. Io ho sempre voluto che nella mia squadra ci fosse qualcuno che non la pensava come me, che fosse un po' più conservatore, così da decidere con equilibrio". In tema di diritti Lgbtq+, "noi non abbiamo nemmeno una legge contro l'odio e la discriminazione - ha detto Schlein - quella che ha portato avanti Alessandro Zan, con cui lavoriamo tutti i giorni" è stata "affossata dalla destra con quel vergognoso applauso nell'Aula del Senato". "Ci stiamo battendo per il matrimonio egualitario. Love is love: questo è lo slogan con cui accompagniamo le associazioni nella battaglia. Ma mancano anche i diritti delle figlie, dei figli delle coppie omogenitoriali, per cui abbiamo molti passi avanti da fare. E occorre farlo con una mobilitazione permanente, cercando il supporto dei sindaci e tentando di portare avanti questa battaglia in Parlamento", anche per non "vivere nel Medioevo dei diritti e andare verso l'Europa e verso il futuro". Fra gli accenni più personali, Schlein ha raccontato che: la sera cerca "di decomprimere" guarda "una serie tv oppure giocando alla PlayStation". Le "scelte di abbigliamento - ha poi spiegato - dipendono sicuramente dalla situazione in cui mi trovo. A volte sono anticonvenzionale, altre volte più formale. In generale dico sì ai colori e ai consigli di un'armocromista, Enrica Chicchio". Infine, commentando le foto della compagna, Paola Belloni, pubblicate da un magazine: "È stato un outing - ha detto Schlein - che è sempre una forma di violenza come lei ha chiarito. Io concordo pienamente". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il nuovo patto Ue per la migrazione "inaugurerà un'era mortale di sorveglianza digitale"

Elezioni Ue, Grecia: disoccupazione alta e salari bassi preoccupano i giovani

Le notizie del giorno | 17 aprile - Serale