EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Morto il 30enne ferito ieri in una lite in strada a Novara

Nel Milanese, l'accusa è anche di tentato omicidio
Nel Milanese, l'accusa è anche di tentato omicidio
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NOVARA, 24 APR - È morto nella notte l' uomo di 30 anni, di origine tunisina, ferito ieri pomeriggio in una lite in strada intorno alle 15 nel quartiere Sant'Agabio, in via Riotta, nella periferia est della città, dove la quota di popolazione di origine straniera è elevata. Portato in gravi condizioni all'ospedale di Novara, dopo essere stato colpito al petto con un oggetto affilato, era stato sottoposto a intervento chirurgico. La polizia sta indagando sull'accaduto, dopo che l'allarme era stato lanciato da una serie di passanti e anche dal presunto aggressore, un connazionale del ferito, 43 anni, che aveva atteso l'arrivo dei soccorsi e anche degli agenti. Portato in questura per essere sentito e poi fermato, non avrebbe avuto con sé i documenti, così come il ferito, ora deceduto. Le prime indagini e la visione dei filmati delle telecamere della zona hanno consentito di accertare che la lite era iniziata davanti a un bar, soltanto a parole, tra più persone, prima che i due si allontanassero e che avvenisse l'aggressione. Da chiarire l'arma utilizzata per colpire, dal momento che un presunto coccio di bottiglia di cui si era inizialmente parlato non è stato trovato, così come non è stato rinvenuto un coltello. Si tratterebbe comunque di un oggetto affilato. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Islanda: le immagini della nuova eruzione vulcanica, migliaia le persone evacuate

Sudafrica al voto: elezioni legislative ad alto rischio per l'Anc, il partito di Mandela

"All eyes on Rafah", in milioni condividono l'immagine AI sui social dopo le stragi alle tendopoli