Al Festival del giornalismo sono tornate le lunghe file

Organizzatori parlano di "affluenza straordinaria" a Perugia
Organizzatori parlano di "affluenza straordinaria" a Perugia
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PERUGIA, 24 APR - Dopo le difficoltà legate alla pandemia, si sono riviste le lunghe file per accedere ai principali eventi del festival del giornalismo che si è svolto a Perugia. La 17/a edizione si è conclusa domenica. Gli organizzatori hanno evidenziato che "decisamente straordinaria" è stata l'affluenza di pubblico registrata durante i cinque giorni di manifestazione. Che ha proposto un programma vasto e partecipato in ogni suo appuntamento e non solo, con sale sempre gremite e lunghe file "ordinate" per ciascuno dei 500 speaker, tra premi Nobel, Pulitzer e cronisti provenienti da ogni parte del mondo. Impegnati in 200 eventi che si sono svolti dalle prime ore del mattino fino a tarda sera. Ci sono stati poi i fuori-programma, ovvero gli eventi collaterali organizzati in maniera spontanea da organizzazioni mediatiche e filantropiche che, ogni anno, arrivano da ogni latitudine e si danno appuntamento al Festival del giornalismo per pianificare, sui tavoli dei bar, ristoranti, terrazze, alberghi e luoghi suggestivi di Perugia, progetti e collaborazioni di ogni tipo, che poi danno vita ad autentici consorzi globali del giornalismo e a grandi inchieste collaborative internazionali. Alla rassegna si è parlato dei grandi temi della contemporaneità: guerre, clima, migrazioni, diritti, tecnologia, nuove frontiere del giornalismo, sicurezza, lavoro, scuola, memoria. "È stata un'edizione strepitosa - dicono gli ideatori e organizzatori dell'IJF Arianna Ciccone e Chris Potter - e al di la dei numeri di affluenza che hanno forse superato nell'ordine delle migliaia quelli pre-pandemici, si è consolidata la presenza predominante di pubblico e ospiti dall'estero che considerano il Festival del giornalismo un osservatorio privilegiato su media e informazione. Un evento come questo aperto a tutti, gratuito, con una concentrazione di speaker di questa caratura è una realtà unica al mondo in questo settore e ne andiamo veramente fieri''. Per la prima volta, al Festival Internazionale del Giornalismo è stato utilizzato con successo un servizio di traduzione automatica in tempo reale per tutti gli eventi. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Medio Oriente: l'Iran lancia droni e missili verso Israele

Guerra in Ucraina: Berlino invia Patriot a Kiev, aumentano i bambini uccisi negli attacchi

Medio Oriente: Pasdaran sequestrano nave "legata a Israele"