Sequestrata casa occupata abusivamente da Roberto Spada

Ad Ostia, esponente del clan la occupava da decenni
Ad Ostia, esponente del clan la occupava da decenni
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 22 APR - I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Ostia, su delega della Procura della Repubblica di Roma, hanno dato esecuzione a un provvedimento del Gip del Tribunale di Roma che dispone il sequestro preventivo di un appartamento sito a Roma (località Lido di Ostia), occupato abusivamente da una donna e dal suo compagno, quest'ultimo, Roberto Spada, è esponente di spicco della criminalità del litorale romano e già condannato - tra l'altro per la testata al giornalista Daniele Piervincenzi - per il reato di violenza privata, aggravata dal metodo mafioso. L'attività costituisce l'epilogo dell'intenso monitoraggio da parte dei reparti dell'Arma dei Carabinieri, avviato anche a seguito del deferimento della coppia all'Autorità Giudiziaria per furto aggravato di energia elettrica mediante allaccio diretto dell'appartamento oggetto di sequestro. I successivi approfondimenti, condotti dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Ostia, hanno consentito di accertare che Spada e la sua compagna, oltre a sottrarre energia elettrica, non disponevano di alcun titolo che li legittimasse ad abitare l'appartamento, gestito dal Comune di Roma, maturando in tal modo un debito nei confronti dell'Ente pari a € 43.355,56 per le indennità di occupazione non versate e pari a € 11.063 nei confronti della società gestore della rete elettrica. La coppia, per quanto sinora emerso, avrebbe ottenuto la disponibilità dell'immobile nell'anno 2006, a seguito di uno "scambio" concordato con la precedente occupante abusiva, la quale a sua volta si trasferiva in un altro appartamento offertole dagli indagati e da loro anch'esso illegittimamente occupato, operazione finalizzata presumibilmente a ricongiungere la coppia con l'originario nucleo familiare, dimorante nello stesso stabile. Così il Gip ha disposto il sequestro preventivo dell'immobile, finalizzato allo sgombero e alla restituzione al Comune per l'assegnazione, secondo le procedure previste dalla normativa. Si precisa- conclude la nota dell'Arma - che il procedimento versa nella fase delle indagini preliminari, per cui gli indagati sono da ritenersi innocenti fino a sentenza definitiva. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Georgia, arresti in piazza e scontri in Parlamento per la "legge sugli agenti stranieri" del governo

Le notizie del giorno | 16 aprile - Serale

Commissione Ue: Pieper rinuncia, ombre su von der Leyen a pochi mesi dalle elezioni