EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

L'appello dopo 10 anni, boss denuncia l'Italia alla Cedu

'Violato il diritto a un processo equo',ha precedenti per strage
'Violato il diritto a un processo equo',ha precedenti per strage
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BARI, 22 APR - Il boss molfettese Felice De Simine, 53enne con precedenti per strage, omicidio (in concorso con altri) e tentato omicidio, ha deciso di denunciare lo Stato italiano alla Corte europea dei diritti dell'uomo. La vicenda riguarda la condanna a 7 anni e 9 mesi di reclusione per tentato omicidio passata in giudicato a dicembre 2022, a 15 anni dai fatti commessi nel 2007. I suoi legali, gli avvocati Massimo Chiusolo e Claudia Terlizzi, hanno presentato ricorso per violazione dell'articolo 6 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo, cioè la disposizione sul diritto a un processo equo. "Il processo celebrato a carico del ricorrente - si legge nel ricorso - ha violato il diritto del De Simine di essere giudicato in tempi ragionevoli, con il rispetto delle garanzie difensive e del contraddittorio". In particolare, la difesa ha lamentato come l'udienza d'appello sia stata fissata non solo a quasi 10 anni dalla prima condanna, ma anche "in assenza della disponibilità del fascicolo": tutto il materiale del primo grado, infatti, era sparito. Il fascicolo fu ricostruito parzialmente solo due giorni prima dell'udienza, poi conclusasi con una nuova condanna. "I pochi atti ricostruiti - continua il ricorso - non erano presenti che due giorni pima, essendo giunti il 2 dicembre a fronte di una udienza celebratasi il 4 dicembre" 2020. Atti che, rilevano gli avvocati, "non erano certi quanto a contenuto con riguardo ai motivi d'appello, mentre risultavano mancanti totalmente" dell'interrogatorio difensivo dell'incolpato, strumento con cui De Simine aveva cercato di spiegare i motivi dell'aggressione. Le decisioni della Corte d'Appello di Bari e della Cassazione, quindi, avrebbero "determinato una gravissima ed irreparabile lesione del diritto di difesa del De Simine sotto diversi profili". "Non solo il processo non si è svolto in termini di ragionevole durata - si legge ancora - ma altresì l'imputato non ha potuto disporre del tempo e delle facilitazioni necessarie a preparare la sua difesa". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni Europee 2024, dibattito candidati leader su bilancio, difesa comune e commercio con la Cina

Mandati d'arresto per Netanyahu e Gallant, l'Unione europea si divide

Israele sequestra attrezzatura Ap e blocca diretta su Gaza: ha usato la legge anti Al Jazeera