Morì in miseria, ex detenuto risarcito da defunto

Tribunale di Cagliari, 15mila euro per "trattamento inumano"
Tribunale di Cagliari, 15mila euro per "trattamento inumano"
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAGLIARI, 18 APR - Il debito con la giustizia l'aveva pagato scontando oltre 5 anni nel carcere cagliaritano di Buoncammino (attualmente dismesso), in celle affollate oltre la capienza consentita, fra topi, blatte e scarafaggi. Ora il Tribunale civile di Cagliari ha riconosciuto a Stefano Marini un risarcimento di 15.348 euro per "trattamento inumano e degradante" ma l'ex detenuto è morto ormai da oltre un anno e mezzo. Per il giudice - come riporta il quotidiano L'Unione Sarda - si è trattato di una violazione della Convenzione europea per i diritti dell'uomo. Marini è stato trovato privo di vita il 26 ottobre 2021 nel giardino di un'abitazione in via Riva di Ponente. Aveva 57 anni. Uscito dal carcere era diventato un senza fissa dimora, domiciliato alla Caritas. A trovare il cadavere - come racconta L'Unione Sarda - era stato il proprietario dell'immobile che concedeva l'accesso a quella casa all'uomo per ripararsi dal freddo. Una volta scontata la pena, l'uomo - assistito dall'avvocato Pier Andrea Setzu - aveva fatto causa al Ministero della Giustizia per quel periodo di reclusione, trascorso in condizioni non umane dal 6 giugno 2009 al 17 marzo 2015. La decisione del Tribunale civile di Cagliari è arrivata nei giorni scorsi, a firma del giudice Riccardo Ariu. "All'esito dell'istruttoria - si legge nelle motivazioni - si deve ritenere che su 2110 giorni di reclusione, Stefano Marini aveva trascorso la maggior parte del tempo in celle nelle quali, per la presenza di arredi fissi da scomputare dalla superficie complessiva, non gli era stato garantito lo spazio minimo di tre metri quadrati". Nel corso delle udienze l'ex detenuto aveva segnalato al giudice "la presenza di topi, blatte e scarafaggi nei locali della Casa circondariale, ma anche l'insufficienza di acqua calda nelle docce comuni". Alla fine il giudice ha chiarito che all'ex detenuto solo per 139 giorni era stato assicurato lo spazio minimo pro capite, oltre ai 65 giorni di permesso ricevuto e tolti dal conteggio. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Difesa: Rishi Sunak annuncia piano aumento spesa al 2,5 per cento del Pil

Portogallo: a 50 anni dalla Rivoluzione dei Garofani le foto di Alfredo Cunha raccontano la storia

Le notizie del giorno | 23 aprile - Serale