EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Comunali: urne aperte per il ballottaggio a Udine

Sfida Fontanini-De Toni. Si vota fino alle 15, poi lo scrutinio
Sfida Fontanini-De Toni. Si vota fino alle 15, poi lo scrutinio
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TRIESTE, 17 APR - Urne aperte dalle 7 per il secondo e ultimo giorno nei 98 seggi elettorali del Comune di Udine per votare il turno di ballottaggio delle elezioni amministrative, nella sfida tra il sindaco uscente Pietro Fontanini e Alberto Felice De Toni. I seggi saranno aperti fino alle 15 poi comincerà lo scrutinio delle schede. Sono aperti gli uffici comunali competenti per il rilascio delle tessere elettorali non consegnate o dei duplicati in caso di deterioramento, smarrimento o furto dell'originale. La collaborazione tra il Comune di Udine, il Servizio Elettorale della Regione e Insiel consentirà la pubblicazione in tempo reale sul sito ufficiale della Regione di tutti i dati ufficiosi riguardanti lo svolgimento delle elezioni (affluenza al voto e risultati). Sono 80.560 gli udinesi che hanno diritto al voto; al primo turno - ma si votava contemporaneamente per le elezioni regionali - l'affluenza è stata del 54%. Sulla scheda gli elettori troveranno solo i nomi dei due candidati, affiancati dai simboli dei partiti che li sostengono: per Fontanini Identità civica, Lega, Lista Fontanini, Udc, Fratelli d'Italia e Forza Italia; per De Toni Alleanza Verdi e Sinistra, Terzo Polo, Lista De Toni e Pd. Non si può esprimere il voto disgiunto. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 27 maggio - Pomeridiane

Meloni: no ad armi Nato all'Ucraina contro la Russia, sì ad alleanza con Popolari di von der Leyen

Frana in Papua Nuova Guinea, si cercano superstiti: almeno 670 morti e duemila sepolti dalle macerie