Strage Erba: difensore, faremo istanza di revisione in settimana

Per il Pg Tarfusser, Olindo e Rosa forse vittime di un errore
Per il Pg Tarfusser, Olindo e Rosa forse vittime di un errore
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 16 APR - Il pool di difensori di Olindo Romano e Rosa Bazzi, condannati all'ergastolo per la strage di Erba, presenterà la propria istanza di revisione del processo a Brescia "fra pochissimo tempo, indicativamente cinque o sei giorni", ha spiegato all'ANSA l'avvocato Fabio Schembi, legale della coppia insieme a Nico D'Ascola, Luisa Bordeaux e Patrizia Morello. Una istanza annunciata da tempo, che è una iniziativa diversa da quella della Procura generale di Milano che sta valutando anch'essa se chiedere la revisione del processo. Lo scorso 12 aprile è stato infatti il sostituto procuratore generale di Milano Cuno Tarfusser a chiedere al pg Francesca Nanni e all'Avvocato generale Lucilla Tornodonati di riaprire il caso, una richiesta fatta "in tutta coscienza per amore di verità e di giustizia e per l'insopportabile pensiero che due persone, probabilmente vittime di errore giudiziario, stiano scontando l'ergastolo". "Sono soddisfatto e contento che anche la magistratura si possa interessare del caso. A questo punto ce lo aspettavamo e lo auspicavamo", anche se "è molto difficile che ci sia una iniziativa del genere della Procura generale. E' accaduto pochissime volte". "Noi da qui a breve presenteremo la nostra richiesta, al di là di quella della magistratura. Faremo la nostra istanza, e se la Procura generale ne presenterà un'altra, ben venga". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Georgia, legge sugli "agenti stranieri": arresti in piazza e scontri in Parlamento

Le notizie del giorno | 16 aprile - Serale

Commissione Ue: Pieper rinuncia, ombre su von der Leyen a pochi mesi dalle elezioni