EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

I funerali di Parini a Roma, 'vittima di terza guerra diffusa'

Il ricordo di padre Nevola, l'ex insegnante dell'avvocato
Il ricordo di padre Nevola, l'ex insegnante dell'avvocato
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 13 APR - "Il terrorismo è ovunque, come dice il papa c'è una terza guerra mondiale a macchia di leopardo in tutto il mondo e Alessandro è una delle sue vittime". Lo ha detto, durante l'omelia del funerale di Alessandro Parini, padre Massimo Nevola, ex insegnante del 35 enne ucciso a Tel Aviv all'Istituto Massimo. La cerimonia si sta svolgendo nella basilica dei Santi Pietro e Paolo a Roma, gremita. Tra i tanti presenti anche il sindaco di Roma Roberto Gualtieri e in rappresentanza della Regione Lazio l'assessora al Personale Luisa Regimenti. "Siamo in tempo di Pasqua - ha aggiunto - e non possiamo indossare i paramenti a lutto. Tra le tante voci che si sono levate dai compagni una mi ha colpito: era un puro di cuore e il Vangelo ci assicura 'beati i puri di cuore perché vedranno Dio'. Una parola di Gesù che ci apre alla speranza". Padre Nevola si è poi rivolto direttamente ai familiari di Alessandro Parini. "È duro dire qualcosa ora a Nicoletta, Enzo e Federico. Ho avuto un momento di lacrime passando davanti alla trattoria dove tante volte con i ragazzi abbiamo cenato, passato dei bei momenti. Noi potremmo oggi ripetere le cose belle fatte da lui: un avvocato di successo, sempre brillante fin dai tempi della scuola, tra i primi che abbiamo mai avuto. Però non era bacchettone, sapeva gioire. Ha imparato a gustare anche le cose più piccole e più belle". "La tua purezza di cuore e la tua bontà - ha concluso - siano le gambe su cui continueremo a vivere e la tua morte possa essere un passo in più per la pace tra i popoli. Non è inviando armi che si semina la pace". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Difesa: chi sarà il prossimo segretario generale della Nato

Le notizie del giorno | 30 maggio - Pomeridiane

Blinken in Moldova: Usa verso il sì all'Ucraina per attacchi in Russia con armi Nato