'Troppa fatica lavorare', meglio carcere

Era affidato in prova a una cooperativa, si è fatto arrestare
Era affidato in prova a una cooperativa, si è fatto arrestare
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 12 APR - "Troppa fatica, torno in cella". Per questo un 38enne di Seregno (Monza), condannato e detenuto per omicidio stradale e omissione di soccorso, dopo aver ottenuto l'assegnazione ai lavori socialmente utili, ha preferito il carcere e si è fatto arrestare dai carabinieri di Besana Brianza. A darne notizia è oggi il Corriere della Sera. L'uomo è stato condannato in primo grado a Monza, nel luglio 2020, a sette anni e quattro mesi per aver investito e ucciso alla guida di un'auto - ubriaco e senza patente - un 22enne. Da poco il 38enne stava scontando la pena in regime di affidamento in prova ai servizi sociali, misura alternativa alla detenzione che prevedeva di prestare servizio per una cooperativa che si occupa di effettuare lavori di pulizia e piccoli interventi pubblici di manutenzione e di cura del verde. Ma l'uomo ha ritenuto eccessivo il carico di lavoro e ha deciso di rientrare in carcere. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia: esonda il fiume Tobol, tremila evacuati

Giappone: scontro tra elicotteri militari, un morto e sette dispersi

Romania: a Pitești la festa dei tulipani