Segregata dopo le nozze combinate, liberata dai carabinieri

Arrestati il marito e la suocera a Sondrio
Arrestati il marito e la suocera a Sondrio
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - SONDRIO, 07 APR - Prima è stata costretta dai genitori a nozze combinate - peraltro con un matrimonio celebrato tramite una piattaforma social network - poi è stata segregata dal marito e dalla suocera. La ragazza, pakistana, residente a Sondrio, vittima anche di maltrattamenti e violenze, è stata liberata dai carabinieri. In carcere, al Bassone di Como, è finita la suocera, di 52 anni, mentre il marito, di 24, è stato rinchiuso nel carcere della città di via Caimi. Le accuse per entrambi sono sequestro di persona e maltrattamenti in famiglia. La coppia da alcuni anni risiedeva nel capoluogo della Valtellina, dove l'uomo faceva il magazziniere. La ragazza è stata obbligata dai genitori a sposare il cugino all'età di vent'anni, senza mai averlo visto prima di persona. Dopo il lungo periodo di separazione forzata, nel mese di ottobre dello scorso anno si è trasferita a Sondrio, dove finalmente ha potuto conoscere il marito ed iniziare con lui una difficile convivenza a causa della contestuale presenza nell'abitazione coniugale dei suoceri e di due cognati. Da subito la coabitazione si è rivelata opprimente per via dell'assillante ingerenza della suocera, che ha costretto la ragazza a condurre una vita di privazioni senza darle la possibilità di uscire di casa, né di poter avere alcun contatto con persone estranee al ristretto gruppo parentale. Alla giovane è stato proibito imparare l'italiano ed è stata obbligata a svolgere solo faccende domestiche, con rari spazi di autonomia dove riusciva di nascosto a telefonare ai propri genitori in Pakistan. Finalmente è riuscita a spiegare ai parenti in Asia la situazione e questi ultimi hanno chiesto a un loro familiare residente fuori provincia di chiamare i carabinieri. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il nuovo patto Ue per la migrazione "inaugurerà un'era mortale di sorveglianza digitale"

Elezioni Ue, Grecia: disoccupazione alta e salari bassi preoccupano i giovani

Le notizie del giorno | 17 aprile - Serale