Borsellino: fratello, confermata la strage di Stato

Polemiche e divisioni a vigilia dell'anniversario della strage
Polemiche e divisioni a vigilia dell'anniversario della strage
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 06 APR - "Finalmente una sentenza conferma quello che dico da 30 anni. E cioè che quella di via D'Amelio fu una strage di Stato e non solo di mafia e che l'agenda rossa fu sottratta da uomini dello Stato e non da uomini della mafia". Salvatore Borsellino, fratello del magistrato ucciso con cinque agenti di scorta, accoglie con favore alcuni passaggi della sentenza del tribunale di Caltanissetta sul depistaggio. Ma sottolinea: "Questa sentenza descrive uno scenario, conferma il depistaggio ma non dice chi sono i colpevoli. Dice che è passato molto tempo ed è quindi difficile risalire ai colpevoli. Per questo mi sento scoraggiato". Era lo stesso Paolo Borsellino a paventare, secondo il fratello, ciò che accadde in via D'Amelio. "Qualche giorno prima dell'attentato - aggiunge - mio fratello disse alla moglie: 'Quando sarò ucciso sarà stata la mafia a colpirmi ma saranno altri ad avere voluto la mia morte'. Quegli altri, come ben sapeva, erano pezzi deviati dello Stato". Per Salvatore Borsellino sono ancora significativi i passaggi della sentenza in cui si parla di "amnesie e contraddizioni" dei testi. Cita, tra gli altri, "il caso dell'ex magistrato Giuseppe Ayala che sul passaggio di mano della borsa con l'agenda rossa avrebbe dato varie versioni". "Per una strage che ha cambiato la storia del nostro paese - conclude - la verità va cercata con ogni mezzo, anche dopo tanti anni. Altrimenti resterà una macchia indelebile nella storia italiana". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania: approvata la legge che semplifica il cambio di nome per persone trans e non binarie

Guerra in Ucraina, Mosca dichiara agente straniero un giornalista della Bbc

Gaza, aumentano gli aiuti umanitari ma preoccupa la crisi idrica