EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Uccisa a Faenza: Pg chiede la conferma dei due ergastoli

'No alla perizia psichiatrica per il sicario reo confesso'
'No alla perizia psichiatrica per il sicario reo confesso'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLOGNA, 05 APR - L'esclusione di una perizia psichiatrica e delle generiche per il sicario reo confesso. E la conferma della condanna all'ergastolo, già inflitto in primo grado, per entrambi gli imputati. È quanto il sostituto procuratore generale Antonella Scandellari ha chiesto, al termine di una requisitoria di circa un'ora e mezza, alla Corte d'Assise d'Appello di Bologna per l'omicidio di Ilenia Fabbri, la 46enne sgozzata il 6 febbraio 2021 nella sua abitazione di Faenza, nel Ravennate. Gli imputati sono entrambi presenti, sebbene in gabbie differenti. Si tratta del meccanico Claudio Nanni, 56enne faentino marito della vittima in via di divorzio, accusato di essere il mandante del delitto. E dell'esecutore materiale, il 55enne Pierluigi Barbieri nato a Cervia (Ravenna) ma negli ultimi tempi, prima di finire in cella, domiciliato a Rubiera, nel Reggiano, alias 'Lo Zingaro' e 'Furia'. E' assente invece la figlia di Fabbri e Nanni, la 21enne Arianna. Il pg, tra le altre cose, ha messo in evidenza la "meticolosa e fredda premeditazione a riprova della" capacità di Barbieri per un delitto la cui dinamica "sembra un film di Tarantino". La discussione prosegue con parti civili e difese. La Corte è presieduta dal giudice Orazio Pescatore. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, inaugurato il museo di Banksy a New York: la più grande collezione di murales dell'artista

L'Estonia teme operazioni ibride russe: in aumento i casi di spionaggio e guerra elettronica

Georgia: la Commissione di Venezia boccia la legge russa, minaccia la libertà di espressione