Pnrr: Libera, 7 cittadini su 10 non lo conoscono

Buona fiducia nell'università e nella ricerca, poca nei partiti
Buona fiducia nell'università e nella ricerca, poca nei partiti
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 04 APR - ll Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr), nonostante sia da oltre un anno elemento di dibattito politico, continua ad essere un oggetto misterioso nella percezione dei cittadini. Circa sette intervistati su dieci (68%) affermano di averne "nessuna" o "scarsa conoscenza". Uno strumento ritenuto salvifico ma sconosciuto. In questo contesto generale il 40% dei cittadini intervistati pongono fiducia nel Governo per favorire la ripresa economica del paese, seguita dal mondo dell'impresa (39%) e dal mondo dell'Università e della Ricerca (25%), mentre è scarsa la fiducia nei partiti politici (solo 8%). Per i cittadini è alta la preoccupazione che la grande mole di denaro che promuoveranno gli investimenti pubblici possa favorire infiltrazioni mafiose. Ben l'88% ritiene che il Pnrr porti il pericolo di corruzione e infiltrazioni mafiose. Nello specifico, il 51% degli intervistati si dichiara "allarmato" riguardo alla possibilità di infiltrazioni mafiose e ritiene che il rischio sia particolarmente elevato, visto l'ammontare delle risorse e le procedure emergenziali previste nell'impiego dei fondi europei. Il 37%, invece, mostra un atteggiamento "rassegnato", dando per scontato il rischio, analogo a quello di tutti gli investimenti pubblici. Solo il 9%, uno su dieci, risponde con "ottimismo" che, grazie alle particolari norme messe in atto, il rischio criminale sia inferiore rispetto al solito. Sono i risultati della terza ricerca di Libera curata da Demos sulla percezione dei cittadini della corruzione e delle mafie partendo dai fondi per la ripresa. Molti i problemi - osserva Libera - che minano l'attuazione degli investimenti da 235 miliardi di euro e monitorarli è un'impresa complessa, specie per le amministrazioni del meridione. Meno di una su tre ha fornito i dati richiesti tramite Foia (ossia il dispositivo giuridico che garantisce il diritto di accesso ai documenti, dati e informazioni delle pubbliche amministrazioni), rispondendo all'indagine partecipata di monitoraggio del Pnrr, organizzata da Libera e lavialibera (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Come viene visto l'attacco a Israele in Iran?

Vendetta, geopolitica e ideologia: perché l'Iran ha attaccato Israele

Gaza, Hamas rifiuta la proposta israeliana di cessate il fuoco e difende Teheran: Attacco meritato