Pusher minorenni e minacce con le armi, sgominata banda

Operazione nel nord Sardegna, sette arresti
Operazione nel nord Sardegna, sette arresti
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NUORO, 01 APR - Trafficavano droga senza mai spacciarla personalmente ma servendosi di pusher, spesso minorenni; usavano banconote contraffate e intimidivano con le armi i creditori per sollecitare i pagamenti. I carabinieri di Siniscola, Olbia e Tempio Pausania hanno smantellato una banda di sette persone tra Siniscola, Olbia e Tempio: tre le misure cautelari in carcere, una ai domiciliari e tre obblighi di dimora. I dettagli dell'operazione sono stati resi noti in una conferenza stampa a Nuoro dal comandante della Compagnia di Siniscola, Fabrizio Borghini, e dal capo del Nucleo Investigativo del comando provinciale, Saverio Aucello. Gli indagati - accusati a vario titolo di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione, danneggiamento, possesso di banconote contraffatte, porto e detenzione illegale di armi - avrebbero messo in piedi una fitta rete per rifornire gli spacciatori nei Comuni di Orosei, Galtellì, Siniscola,Tempio Pausania e Olbia. Ai loro pusher i sette si rivolgevano con stratagemmi e linguaggi criptici, cambiavano frequentemente auto e la sim dei cellulari e la comunicazione avveniva con i mezzi di messaggistica istantanea. Ma si ingegnavano anche per il trasporto: la droga veniva posizionata nel vano motore o in un incavo esterno al pianale. Cocaina e marijuana venivano ceduta a "debito" e nel fine settimana era prevista la riscossione delle somme. Chi non pagava veniva minacciato con le armi. Nel corso delle indagini sono stati sequestrati 400 grammi di cocaina, due piantagioni di canapa indiana e 5,8 chili di marijuana. Tutto è partito con l'inchiesta aperta dal pm di Nuoro Giorgio Bocciarelli nel dicembre 2021, dopo il pestaggio di un minorenne di Torpé, reo di non aver pagato un debito di droga. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Europee, ufficialmente aperta la campagna elettorale in Italia: tutto quello che c'è da sapere

Elezioni regionali in Basilicata: chiusi i seggi, via allo spoglio. Centrodestra avanti con Bardi

Milano, violenze e torture su minori al carcere Cesare Beccaria: 13 agenti arrestati