Corte di assise assolve uomo che uccise madre, 'è incapace'

Uomo rapito davanti a un locale, liberato dopo soldi riscatto
Uomo rapito davanti a un locale, liberato dopo soldi riscatto
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - AREZZO, 01 APR - Incapace di intendere e di volere al momento del fatto: così la corte di assise di Arezzo ha assolto dall'accusa di omicidio Manuele Andreini, il 47enne che, a Subbiano (Arezzo) nella notte tra il 13 e 14 ottobre 2022, uccise nel sonno la madre, Assunta Andreini. La pm Francesca Eva, ammettendo il vizio di mente di Andreini, ha chiesto l'assoluzione e una misura di restrizione da osservare in una struttura assistita. La corte di assise lo ha oggi assolto dall'accusa di omicidio volontario. Andreini sarà in libertà vigilata in una struttura Rems dove verrà seguito da medici. L'uomo è stato riconosciuto incapace di intendere e di volere sulla base di una perizia psichiatrica disposta nel corso del procedimento penale. Uccise la madre Assunta in una lite familiare e poi chiamò lui stesso i carabinieri ai quali raccontò in lacrime di averla soffocato ma di non saper dire perché l'avesse fatto. L'ex operaio viveva con lei in una villetta di famiglia a Calbenzano. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 24 aprile - Pomeridiane

Crisi climatica, Ue: torna freddo dopo i picchi di caldo a rischio i frutteti

Crisi in Medio Oriente: quale futuro per la difesa comune europea