Riciclavano soldi truffe, sequestrati beni per 500mila euro

Prosecuzione dell'indagine Macan2 che nel 2022 vide 59 arresti
Prosecuzione dell'indagine Macan2 che nel 2022 vide 59 arresti
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GENOVA, 31 MAR - I Carabinieri del Comando provinciale di Genova, a conclusione di una complessa indagine coordinata dalla Procura di Napoli e con il supporto dei carabinieri di Napoli e Salerno hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal Tribunale di Napoli nei confronti di 10 indagati e più perquisizioni che hanno portato al sequestro di 50 mila euro in contanti e automezzi per un valore di 100 mila euro oltre al bare di distributore di benzina a Salerno. Agli indagati sono contestati a vario titolo i reati di riciclaggio, ricettazione, impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita e trasferimento fraudolento di valori. L'attività rappresenta lo sviluppo dell'indagine denominata Macan2 che ha portato nel maggio 2022 all'esecuzione di un'ordinanza di applicazione di misure cautelari nei confronti di 59 persone (46 custodia in carcere e 13 in regime di arresti domiciliari), appartenenti a bande specializzate nelle truffe su gran parte del territorio nazionale: allora tra i principali reati erano stati contestati falsità in titoli di credito e possesso di documenti di identificazione falsi, sostituzione di persona, intercettazione o impedimento illecito delle comunicazioni telefoniche, irregolarità nella ricezione e stoccaggio finalizzati alla sottrazione dell'accertamento o al pagamento dell'accisa sugli oli minerali, riciclaggio ed autoriciclaggio. In particolare, gli indagati, stanziali a Napoli, reimpiegavano proventi illeciti di truffe su scala nazionale e importazione dall'est Europa di olio industriale a con cisterne accompagnate da false bolle di trasporto, costituendo società-cartiere operanti nello specifico settore, nei cui capitali confluivano anche i numerosi beni immobili e mobili acquistati nel tempo per riciclare il denaro. L'attività investigativa dei carabinieri del Nucleo Investigativo di Genova ha consentito di sequestrare 5 società e 4 distributori di carburante per un valore di circa 500 mila euro che vanno ad aggiungersi a beni e denaro contante già sequestrati per circa 2 milioni 700 mila euro. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Capri dimentica il glamour: inizia il G7 e l'isola si blinda

Guerra in Ucraina: tre missili russi colpiscono la città di Chernihiv, almeno 11 morti e 50 feriti

Crimea, incendio in uno zoo privato: 200 animali morti, due orsi sono sopravvissuti