EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Naufrago Cutro abbracciato per tre ore al fratellino morto

Il racconto nell'incidente probatorio: 'Recuperati in mare'
Il racconto nell'incidente probatorio: 'Recuperati in mare'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CATANZARO, 30 MAR - Ha tenuto abbracciato il fratellino di 6 anni anche dopo la sua morte, avvenuta dopo un'ora in acqua per ipotermia, trattenendolo a se altre due ore, fino a quando sono stati recuperati dalla Guardia costiera. E' la drammatica testimonianza di Almolki Assad, un cittadino siriano superstite del naufragio del barcone di migranti del 26 febbraio a Steccato di Cutro. Il giovane è stato sentito stamani dal gip del Tribunale dei minorenni di Catanzaro nel corso dell'incidente probatorio nell'inchiesta sul presunto scafista 17enne. "Ho preso mio fratello - ha raccontato - e ci siamo buttati a mare. Eravamo tutti nel panico. Sono rimasto tre ore in acqua, sin dalle 4. Il bimbo è morto dopo un'ora. E' rimasto sempre nelle mie braccia. Non l'ho lasciato andare dopo che è morto". Il giovane, che si è salvato insieme allo zio sentito nelle scorse udienze, ha riferito di essere stato soccorso in mare dalla Guardia costiera. "Ci siamo fatti sentire - ha detto - e ci hanno recuperati. Ci siamo salvati grazie a un pezzo di legno, altrimenti eravamo tutti morti. Sono svenuto sulla barca della Guardia costiera, sono stato condotto in porto e da lì mi hanno portato in ospedale". "I soldi - ha aggiunto confermando il racconto di un altro superstite - gli organizzatori li hanno presi nonostante il naufragio, anche quelli di mio fratello. Pensate a questa tragedia - ha detto Assad - come se fosse vostra. Gli organizzatori del viaggio hanno ammazzato mio fratello e io di sicuro non scorderò nulla". In precedenza, una donna somala, ha raccontato che "la barca andava veloce, poi c'è stato un urto. Mi sono aggrappata ad un pezzo della barca e quando sono arrivata a terra c'era un soldato italiano che mi ha salvata. Sono stata in acqua circa un'ora perché le onde mi riportavano indietro. Eravamo in tre amici. Un'altra donna è dispersa, l'uomo l'ho trovato a terra. Gli scafisti non hanno aiutato nessuno di noi a salvarsi". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia: manifestazione a Parigi dopo l'attacco alla sinagoga di Rouen

Gaza, recuperati i cadaveri di tre ostaggi israeliani: aiuti Ue nella Striscia grazie a nuovo molo

Violenza verso politici in aumento in Ue: attacco a Fico tragica svolta nel panorama europeo