Mesina rifiuta cure e diagnosi, 'non può avere domiciliari

La decisione della Sorveglianza di Milano sull'ex primula rossa
La decisione della Sorveglianza di Milano sull'ex primula rossa
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 30 MAR - Graziano Mesina, l'ex primula rossa del Supramonte, 80 anni detenuto ad Opera, "rifiuta" le cure e ogni accertamento diagnostico e quindi non è possibile arrivare ad una "diagnosi certa" sulle sue condizioni di salute. Lo scrive il Tribunale di Sorveglianza di Milano, presieduto da Giovanna Di Rosa, in un provvedimento con cui nelle scorse settimane ha deciso, in un procedimento aperto d'ufficio, che non si possa concedere a Mesina il differimento pena con detenzione domiciliare. Il principio espresso (giudice estensore Giovanni Gerosa) è che l'opposizione a cure e diagnosi da parte del detenuto non consente il differimento pena. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Alta tensione tra Moldova e Transnistria, Tiraspol chiede l'intervento russo per i dazi

La Germania media per la pace tra Azerbaigian e Armenia

Guerra in Ucraina, Zelensky al vertice in Albania chiede più munizioni